Il Pignoramento immobiliare e la vendita forzata della tua Casa. Cosa succede dopo?

By | 7 aprile 2018

Nella mia attività quotidiana mi capita sempre più spesso di affrontare problematiche piuttosto serie.

Problematiche legate a Case Pignorate ovvero “tolte dalla disponibilità del proprietario. 
Eh sì ! 
Avere la Casa Pignorata vuol dire essenzialmente non poterne più disporre. 
Ancora oggi è consentito al proprietario di poterci abitare ancora ma si discute con maggiore insistenza sul  procedere con la liberazione dell’immobile non appena questa viene posta in Asta. 

Sì, l’Asta !

L’Asta è il passo successivo al Pignoramento immobiliare che ha come fine, la vendita forzata dell’immobile per soddisfare uno o più creditori. 

Ma ritorniamo adesso al Pignoramento. 

Cos’è in effetti?

Il Pignoramento immobiliare altro non è che la fase operativa dell’espropriazione immobiliare. 
Questa procedura consente a chiunque vanti un credito (giustificato da un qualsiasi titolo esecutivo come ad esempio un Mutuo, un Assegno, una Cambiale o, in sostituzione, un decreto ingiuntivo ottenuto in forza di un debito non onorato) di recuperare l’importo che gli spetta. 
Tale procedura culmina con la vendita all’asta del bene pignorato in modo tale che il creditore possa essere soddisfatto del suo credito. 

Ma è davvero così ?
Nel senso che, riesce il creditore a soddisfare il credito che vanta nei confronti del debitore, con la vendita forzata del bene immobile?

La mia esperienza pratica (anche perché in questo articolo non voglio parlare di teoria o di articoli del codice civile ma interessa a scendere nel pratico, in quello che la vita quotidiana mi insegna) mi dice che difficilmente questo accade. 
Anzi, il più delle volte alcuni creditori rimangono a bocca asciutta (qualora fossero più di uno).

Nella mia pratica quotidiana è facile imbattermi in una Casa pignorata e già in asta dove i creditori sono più di uno (Banca che ha concesso un mutuo, finanziarie che hanno concesso dei finanziamenti, Equitalia – Riscossione Sicilia S.p.A qui da noi e altri…) e il più delle volte succede che nemmeno il creditore principale riesce a soddisfare il suo credito dalla vendita in asta.
Questo perché sempre più spesso vengono esperiti diversi tentativi di vendita del bene immobile e ad ogni tentativo, il valore viene deprezzato del 25%. 
Cosa succede dopo tre tentativi è facile poterlo comprendere ma voglio fare un esempio per essere più chiaro possibile. 
Supponiamo che hai comprato una casa a cento mila euro con l’aiuto di una banca che ha erogato un mutuo per l’acquisto a fronte del pagamento di una rata mensile o semestrale che comprende una quota capitale più una quota di interesse (il guadagno della banca perché una banca è questo ciò che fa….. vende soldi dietro il pagamento di un interesse). 
Dopo tempo, non sei più in grado di continuare il pagamento delle rate. 
Per legge, dopo sette rate mensili non pagate, il mutuo si risolve e la banca a questo punto può richiederti l’intera somma residua che ancora devi corrispondere. 

Dopo inutili tentativi da parte della banca (telefonate, lettere, pressioni varie – inutili ma vengono fatti comunque) nell’impossibilità di riottenere i propri soldi e in forza del titolo esecutivo (il mutuo stesso) per mezzo del quale è stata iscritta ipoteca di primo grado sul tuo immobile, la stessa chiede al Giudice l’espropriazione del bene immobile e la successiva vendita forzata (asta) nel tentativo di recuperare quanto più possibile. 

Facciamo finta adesso che la banca vanti ancora un credito di 80.000,00 euro. 
Cosa succede se l’immobile, dopo il terzo tentativo, viene venduto a 35.000,00 euro?
Intanto c’è da premettere una cosa molto importante: dai 35.000,00 euro ottenuti dalla vendita forzata occorre togliere tutte le spese sostenute dai vari professionisti (Periti, Custodi, delegati alla vendita, spese di Tribunale) e quello che resta vengono corrisposti alla banca creditrice. 

Una grande perdita per la banca come puoi ben capire…. 
E se i creditori fossero più di uno?
Nel senso che, se all’interno della procedura esecutiva si fossero aggiunti per esempio delle finanziarie che nel frattempo hanno ottenuto un d.i per il credito vantato, è facile comprendere che questi ultimi rimarrebbero non soddisfatti dalla vendita in asta perché la banca era creditore di primo grado. 

Cosa succede a questo punto?

Analizziamo nel dettaglio: 

La banca che era la prima creditrice rimane con un credito vantato di circa 40.000,00 euro; 
La finanziaria numero uno resta con un credito di 25.000,00 euro (residuo credito dopo il finanziamento concesso);
Stessa cosa per la finanziaria n. 2 che resta con un credito di 15.000,00 euro (residuo dopo finanziamento concesso). 

Analizzando l’esempio si evince che il debitore oltre ad avere perso la sua casa, resta indebitato con la banca per circa 40.000,00 euro e di 25.000,00 euro con la prima finanziaria e 15.000,00 euro con la seconda finanziaria. 

Cosa faranno a questo punto i creditori ?

Beh! qui voglio riferirti il frutto della mia esperienza. 

Ancora oggi, molti sono convinti che essendo stata venduta all’asta la propria casa, resteranno liberati da tutti gli altri debiti. 

Non voglio deluderti ma ti invito a prestare la tua massima attenzione perché oltre ad avere perso la tua casa, resterai esposto con la banca e con gli altri creditori non soddisfatti e questi, puoi giurarci, non resteranno a guardare ma andranno alla ricerca di altri tuoi beni da pignorare (immobili o mobili quindi altre case o magazzini o capannoni o terreni ma anche la tua macchina o moto ma ancora prima punteranno sul tuo stipendio mensile da lavoratore dipendente). 

Pensi sia una condizione semplice da affrontare?

Ma è possibile risolvere questo gravoso problema?

Certo !

Malgrado tutto, hai la possibilità concreta di risolvere questo problema e se vuoi, posso essere io ad aiutarti in questo intento. 

Assieme ad un Team di professionisti, (Avvocati, Commercialisti, Consulenti Finanziari, Consulenti in Gestione del Debito di Famiglie e Imprese) altamente specializzati, opero già da tempo in questo settore con grandi soddisfazioni. 

Cosa devi fare allora?
Semplice. 
Contattami Adesso e chiedi una Consulenza assolutamente gratuita nella quale comprenderò l’esatta tua condizione e come poterti aiutare. 

La mia mail: info@girolamoalongi.com
Il mio cellulare: +39 3455056244

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.