Le agenzie immobiliari sono tutte uguali …

di | 26 Novembre 2016

famiglia-felice

 

…questa è l’esatta percezione di chi ha l’esigenza di comprare e vendere una casa.

Ormai è da tanto tempo che mi occupo di di questa materia e in tutti questi anni ho compreso che là fuori i clienti ci percepiscono come “tutti uguali”.

Per quanto mi riguarda devo pur ammettere che questa percezione non è sbagliata e ad alimentare la stessa è proprio il modo di lavorare da parte della stragrande maggioranza dei miei colleghi.
Testimonianza ne è il fatto che circa la metà delle compravendite oggi viene portata avanti senza l’aiuto di un professionista (compravendita fra privati).

Se facciamo un passo indietro ci si accorge che tutte le agenzie immobiliari oggi presenti sul territorio nazionale sono nate dalle costole di due grandi gruppi immobiliari in franchising che per primi in Italia hanno rivoluzionato il concetto di fare intermedazione immobiliare.
Si è passati quindi dal classico “Sensale di piazza” al soggetto che professionalmente cercava di proporsi al mercato.
Piano piano questa tendenza si è allargata e sono nate le prime agenzie su strada, le classiche agenzie con delle vere e proprie vetrine dove venivano (e viene fatto tutt’ora) pubblicizzati gli immobili in vendita come fosse un vero e proprio negozio.

Da lì a poco è venuta in aiuto anche una nuova normativa che ha cercato di professionalizzare l’attività di mediatore immobiliare ed ecco che è nata la legge 39/89 che ha fatto un po’ di chiarezza. 
Legge poi più avanti ripresa e aggiornata con la 57/01 che dava un’impronta più professionale e una maggiore tutela per gli stessi utenti (vedi per esempio l’introduzione dell’obbligatorietà della polizza assicurativa di cui deve munirsi un agente immobiliare a tutela dei suoi clienti).

Ma fondamentalmente, a prescindere dalle innovazioni, il lavoro svolto da un agente immobiliare, in linea di massima, è sempre uguale.
Andare sul territorio, suonare campanelli, parlare con tante persone, trovare chi deve vendere una casa, convincerlo a dargli un incarico, piazzare la casa in pubblicità sui vari portali immobiliari (che nel frattempo si sono decuplicati a dismisura), ricevere le telefonate da chi sta cercando una casa e che ha visto quella pubblicità, fare la visita, entrare in trattativa qualora la casa interessa, e poi concludere l’affare.

Nel corso del tempo si è fatto avanti anche il concetto della formazione.
Formazione spesse volte fatta da pseudo-formatori che altro non sono che agenti immobiliari con un po’ di esperienza in più.
Non me ne vogliano la maggior parte di essi, ne ho conosciuto parecchi e devo ammettere che una parte di essi sono veramente dei professionisti ma in tanti sono solamente degli improvvisati che sulla scia della diminuzione del numero delle transazioni immobiliari, hanno deciso di percorrere strade nuove.

Ma, al di là di tutto ciò, rimane il fatto che dall’esterno, malgrado l’innovazione, malgrado una maggiore professionalità acquisita, malgrado lavorare in uffici più organizzati, malgrado l’acquisizione di particolari strumenti tecnologici ect, ect, ect, la percezione degli utenti sugli agenti immobiliari  è rimasta invariata – le Agenzie immobiliari sono tutte uguali – 

A dire il vero, osservando l’operatività della stragrande maggioranza dei miei colleghi sul mio territorio (ma sono sicuro che questo avviene su tutto il territorio nazionale), non hanno torto.
Perché continuare ad operare sempre nella stessa maniera …. suonare campanelli, parlare con tante persone, trovare chi deve vendere, fare pubblicità, aspettare che chiami qualcuno e bla bla bla, non si fa altro che alimentare sempre più questo pensiero fra gli utenti.

Perché un acquirente dovrebbe “fidarsi” di un agente immobiliare che ha ricevuto l’incarico di vendita da un venditore?
Nella testa di un acquirente c’è sempre la volontà di comprare alle migliori condizioni economiche, di fare un acquisto sicuro, di trovare la migliore casa sul mercato e così via dicendo.
Perché quest’ultimo dovrebbe stare ad ascoltare ciò che gli propina l’agente-venditore che tra l’altro, ricevendo l’incarico dal proprietario dovrebbe fare anche il suo interesse?

E’ proprio questo il motivo per il quale chi compra una casa non ha tanta fiducia nell’operato di un agente immobiliare a prescindere dal fatto che in tanti continuano ancora oggi a non operare con professionalità.

Cosa penso personalmente a tal proposito?

Penso che gli acquirenti hanno ragione.

Ecco perché nel portare avanti il mio lavoro, tutti i giorni, opero in modo del tutto differente.
Ecco perché mi ritengo un Agente immobiliare diverso da tutti gli altri.

Il mio approccio è assolutamente diverso e questo a cominciare dall’acquisizione di un immobile.
Acquisire un immobile alle condizione dettate dal proprietario, perdonami, non è acquisizione, è solamente “assecondare” il volere di chi sta cercando di vendere il proprio immobile cercando di ottenere il massimo ma questo lo so che è normale ciò che è anormale è il fatto che troppo spesso questo massimo coincide con delle condizioni assolutamente fuori mercato.
Ti faccio un esempio: se oggi casa tua vale 100 mila e tu ne pretendi 130 mila irriducibili, non funziona.
La cosa più assurda è osservare tanti miei colleghi che invece accettano queste condizioni e perdonami ma questo non vuol dire fare l’agente immobiliare, questo vuol dire cercare di fare l’esclusivo interesse del proprietario e per di più a condizioni economiche assolutamente fuori dal mercato. 
In poche parole ritengo che costui non può essere considerato un agente immobiliare che pretende poi di essere pagato anche da chi compra ma è un venditore di case che a parer mio dovrebbe essere remunerato dal solo venditore ammesso che riuscirebbe a vendere ad un prezzo fuori mercato (il che oggi è praticamente impossibile).

Questo è ciò che percepisce chi vuole comprare una casa.
Ecco perché la maggior parte degli acquirenti oggi non si fidano degli agenti immobiliari classici.

Perché mi ritengo un Agente immobiliare diverso dalla massa.
Il perché te lo spiego subito.
Innanzitutto non mi ritengo di essere un “venditore di case”.
In effetti il mio prodotto in vendita è la casa ma ciò che faccio giornalmente non è quello di vendere una casa a chiunque ma di “risolvere determinate esigenze” di chi desidera vendere la propria casa e chi ha l’esigenza di acquistarne una.
Mi spiego meglio: devi vendere casa tua ? 
Ok. Vediamo intanto le sue caratteristiche, controlliamo che tutto sia in perfetta regola, controlliamo che non c’è nulla che potrebbe precludere la vendita, cerchiamo di individuare la forbice di prezzo all’interno della quale trovare il prezzo di vendita, instauriamo un rapporto di fiducia …
Fatto questo andiamo adesso in ricerca specifica, andiamo alla ricerca di chi sta cercando proprio quella tipologia di casa e come faccio tutto questo?
Ritengo che qua sta la differenza fra ciò che faccio e ciò che fanno.
Portare in giro persone che ti chiamano perché hanno visto sul tuo sito o su un portale immobiliare un immobile in pubblicità, non è assolutamente ciò che faccio, nel modo più assoluto.
Portare persone in giro non vuol dire fare l’Agente immobiliare professionale” ma fare un po’ il “turista immobiliare” e perdonami, per quanto mi riguarda, il tempo lo dedico solamente a chi mi dimostra di essere veramente intenzionato ad acquistare una casa. 
E che tu sei veramente intenzionato e qualificato per acquistare una casa, devi dimostrarmelo altrimenti, non ce l’avere a male, ma il mio tempo lo dedico esclusivamente a loro, a chi dimostra di avere “fiducia” nel mio operato, a chi dimostra di credere nella mia professionalità, a chi dimostra di credere che nel giro di un mese massimo due riuscirò a trovare la casa che ameranno per tutta la vita.

Ecco come si instaura un rapporto di fiducia. 
Che tu debba vendere una casa o che intendi acquistarla devi percepire che che lavorando con me non lavorerai con un professionista che sta cercando di fare gli interessi della controparte ma, congiuntamente, sta facendo anche i tuoi interessi e di questo, lavorando con me, puoi esserne assolutamente certo.

Devi vendere casa tua? 
Contattami adesso e verrò a trovarti (se la tua casa si trova dentro il territorio della provincia di Palermo) e assieme valuteremo se ci sono tutte quelle condizioni che possono consentirne la vendita in tempi rapidi (mediamente entro i 4/5 mesi).

Devi acquistare necessariamente casa?
Contattami Adesso e concorderemo un appuntamento in ufficio da me o a casa tua, per me è indifferente. Quando ci incontreremo avverrà una cosa: instaureremo un dialogo attraverso delle domande che ti porrò e dal quale dialogo comprenderemo assieme se posso aiutarti nella ricerca.
Se potrò aiutarti te lo dirò immediatamente e se te lo dico è solamente perché riterrò che ci siano tutte quelle condizioni che possono farti diventare proprietario della casa che amerai tutta la vita e in tempi brevi.

Pensi che sia un po’ presuntuoso?
Comprendo benissimo ma se verrai a trovarmi posso darti tutti i contatti di quelle persone che sono riuscito a rendere felici nell’acquistare una casa, quella casa dove stanno crescendo i propri figli e che è diventata la dimora della loro famiglia.
Ecco qual’è la mia garanzia.

Le Agenzie immobiliari sono tutte uguali ?

Hai capito adesso perché non mi ritengo di essere uguale a tutti gli altri?
Vuoi percepirlo in modo più diretto?
Vieni a trovarmi, ti aspetto.

Girolamo Alongi.
Il tuo Agente immobiliare di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.